Il messaggio di insediamento del Presidente della Repubblica: una lezione di Educazione Civica

Dignità   

Questo vocabolo è stato un termine ricorrente nel discorso di insediamento del nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella appena eletto, dopo il giuramento di fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione.  

Al di là del contenuto “programmatico” di diversi passaggi, che in una sintesi mirabile e con una correttezza istituzionale inappuntabile hanno ricordato tutte le tematiche su cui operare per costruire il nostro futuro e non hanno trascurato alcuna categoria, l’intero discorso costituisce un insegnamento per tutti i cittadini, sia per la sostanza che per lo stile. 

Spirito di servizio, rigore, impegno, partecipazione, cultura, bellezza, oltre a dignità, sono stati altri concetti più volte toccati, che devono suscitare in tutti noi una profonda riflessione e imporre a ciascuno l’assunzione delle proprie responsabilità, come peraltro ricorda l’art. 54 della nostra Costituzione che, nell’indicare il dovere di fedeltà alla Repubblica da parte di ogni cittadino, ammonisce in particolare chi opera nella pubblica amministrazione (e quindi anche nelle istituzioni scolastiche) ad adempiere le proprie funzioni “con disciplina ed onore”. 

Nell’invitare tutti e, in particolare, i nostri studenti con i nostri docenti ad analizzare il testo del discorso, si manifesta riconoscenza al nostro Presidente e si formula l’augurio di buon lavoro per un nuovo settennato di sviluppo per il nostro Paese e ricco di soddisfazioni per lui e per tutti. 

Il Dirigente Scolastico
Umberto Pesce

Ultima modifica il 05-02-2022